Piè l' american - carraraonline.com

Sezione a cura di Mario Volpi
Vai ai contenuti

Piè l' american

Sol p'r noialtri
File Audio del Racconto

Spetta/le Redazione

Il novecento ha rappresentato per l'Italia il picco più alto di emigrazione verso paesi del nord Europa, o per le due Americhe. Io stesso sono stato emigrante con la mia famiglia verso il Brasile, solo per ritornare dopo neppure due anni più poveri di quando eravamo partiti. Il problema era proprio questo, la gente per avere i soldi per il viaggio, vendeva tutto, e una volta arrivati nel paese ospitante si trovava senza alcuna possibilità di fare ritorno, condannandosi a una vita miseranda, spesso peggiore di quella che aveva appena lasciato.


13 Agosto 2013

L’altr dì, aio portat ‘l me n’putin p’r more su p’r la via fonda a Bonasc’la, e aio arvist la ca d Piè l’american; quanti anni ien pasati! Chissa mo di chi al sirà!
A Bonasc’la Piè l’american ier un’istituzion, i rapresentav per noialtri, un che i l’avev fata, un che ‘nt’el mond ier riuscit a aver qualcò.
Ma andian con ordine: A metà di ani sesanta, me avev apena quatord’zani, lu d parechi ani pù grand i decis, contr ‘l voler d so mà, e so pà, d’andar ‘n America, “ a far i bagaron” com i dizev lu. Per squasi tre ani, i n dè pu notizie, po un bel dì i s’arpresentò, dizend che in America i avev mis su do ristoranti, un a Boston e c’daltr a New York, e che i butav’n or. Da quel dì lì, i  tuti i ani a z’nar i arv’niv asù.  P’r do o tre dì, al Bar Sport ader festa, i pagav da bera a tuti, e le sigarette americane a le fumav anch ‘l gat,  anche noialtri fantoti ogni tant arguaiv’n qualch butigia d spuma al bitter.  I s f’rmav un mes, in cla so caseta che i sò i avev’n lasat, e pò i arpartiv.  Queli che ier stati i so amici, e noialtri bardason, a si met’v’n a la tonda, con i nostri biceri d spuma ‘n man, e a stev’n a sentir lù, che i arcontav d vie larghe com piaze, d machine lunghe vinti metri, d palazi che i arivav’n i ciel, d com ‘n America le done al feven ai cazoti p’r star con lù, e cussì via. Ma d man, a man, che ‘l temp i pasav, l’nteress p’r lu i diminuiv, p’rcos quel che i dizev i s cuminzav s vedev ‘n television, anch in Italia. Queli dla sò generazion, oramai, iern tuti sposati, tanti i n stev’n pù nemanch ‘n Bonasc’la, ma lu ier dov’ntat squasi na legenda, tuti i sapev’n chi ier, e quand i pasav’n davanti a la sò caseta qualc’dun i dizev “biata Piè l’american, e i sò  bagaron!”
Il vinti agost del milinov’zentsetantatrè, a decid d sposarm, con na bela fanta d Carrara, che al lavorav ‘nt’una Agenzia d viazi a l’Avenza. La me futura moia a d’avev studiat lingue, e ‘l sò desideri pù gross, ier quel d’andar ‘n America ‘n viaz d noze, anch p’r spraticars un po’, e a dev dir che anch a me l’idea a m d’spiazev.  Cussì a s metest’n d buz bon p’r organizar nicò. A chi tempi an’er facile com mò far un viaz cussì. Al tocò far i passaporti, andar a Roma p’r ‘l vist a l’Ambasciata Americana, prenotar i alberghi d lazù con ‘l telefono e spedir i vaglia d capara, organizar il viaz fin a Milan p’r piar ‘l vol, ‘nsoma oltre ai bagaron che i ern tanti, al parev che tuti i fes’n a gara p’r fars pasar la voia. Finalmenta dop squasi tre mesi d tribolazion eravan pronti a partir. Avev’n p’nsat d far una stimana a New York, e una a Miami, p’r i spostamenti a s’eravan ‘nformati su aeri e treni, ‘nsoma avevan na valisa d’ orari e coincidenze, e a s sentiv’n padroni del mond.
Apena sesi a l’Aereoport d New York, una folata d’aria bugita a s tols ‘l respir, ‘l cald ier tremend, ma l’mportante ader eser chi. La cità al cavav ‘l fiat da quant ader bela, tut ier inmens! Da le vie dov le machine al pasav’n a fiumara, a s vedev a malapena ‘l ciel, strizati da chi gratazieli cussì alti che quasi an si v’dev la punta, la zenta al caminav ‘n tute le direzion, a migiara, com le formiche rizacoa quand t bat ‘l furmicar. Agli incrozi dle vie, di pulizioti i s sbrazav’n per far pasar mò le machine, mò la zenza, e il fev’n con na grazia che al parev che i badas’n. I tassì zadi com ‘l zafaran, iern fissi com le margherite ‘nt’un prat ‘n primavera, e i s fervan p’r far salir e send’r la zenta dov i s trovav’n. Arivati ‘nt’ albergh un portieron nero com un frin i s scioccò un surris, e dop aver vist i documenti i aguantò le valise com se al fus’n vote e i s portò vers l’ascensor. P’r zinqui di a zercast’n d veder pù che a s potev, a la fin eravan sfati com gualchi, ma a decis’n d non molar e d visitar anch Central Park. Ma tra il dir e ‘l far ai d mez ‘l mar, e cussì vers la trea dop mezdì, me a diss  a me moia “sent, aio i pè che i parn dò zampon, cos t dirè d fermars un moment?” Le a m mirò e al r’spos con un fil d voza “ meno male che tla dit tè, me a stev zita p’r non passar da noiosa, ma a ni la fai pù!” A decidest’n d fermars drent al prim local che i avess avut d’aria condizionata.
Dop pogh a vid’n un Bar Pizzeria dal nom che ier tut un programma “O Vesuvio.” Aier disegnat un vulcan che i sputav foch, e un caretin sicilian sot a di palmizi, com al solit i american in s smentiv’n.
Drent a nier nisun, i tavulineti iern sistemati tra di paraventi con disegnat paesagi, che indev’n dal Colosseo, alla Torre d Pisa, ma il condizionator i funzionav a dover, e aier un bel freschet. A s setast’n a un tavulinet, e dop pogh na cameriera al vens a piar le urdinazion, do bele birre zelate.
A lè portò un camerier, che quand i s vid, i stralunò i oci e i fè cascar nicò ‘n tera, me sentit il fracass a m zirò e al vid; ier Piè l’american. I scapò com na saeta e pogh dop la cameriera a s’arportò le birre scusand’s, ma a me oramai la seta ader passata. Me moia a n capiv cos ader sucess, e cussì a i dovet spiegar chi ier quel camerier, e p’cos ier scapat. A ier pù ‘nbarazat me d lù e a n sapev come far, se andar a zercarl o no, quasi i m’avess let ‘nt’l p’ser i s presentò. Ier muf com la zera i m diss che se a potev asp’tar na mez’oreta i sarè potut venir via con noialtri, p’rcos i avev f’nit ‘l turn e i m’avre putut spiegar nicò. Me a diss d si, e dop la mez’ora pù lunga dla me vita, i vens v’stit ‘n borghes e andast’n via. Apena fora i diss che avrest’n dovut piar un tassì, p’r andar a ca soa, p’rcos con la Metro a i sirè vuluto trop temp. Dop aver viazat p’r quasi un’ora senza che lu i dizess na parola, arivast’n ‘nt’un quartier d periferia. Apena sesi, la prima impression al fu quela d’es’r a veder un film d Al Capone, ma ‘nveza ader tut ver! Aier na fila di palazon a dò pian tuti d legn, con una scala esterna con la ringhiera mez scalamata, che al portav a un teraz che i zirav tut a la tonda, dov a s’apriv’n dle porte tute uguali. La via ader streta, con di marciapè striminziti, sporchi da far schifa, una machina senza rote e senza una portiera, ader postezata su quatr tachi vizin un pal dla luce d legn, da dov al partiv un intrigh d fili com la tega d’un ragn ‘mbriach. Un branch d ninin mezinudi i zocav a zupars con d’acqua che al nesiv a pisareda da un idrante antincendi. Apontati a un mur, do sudamericani con la barba d tre di i s mirav’n stran. Dop es’rs frugat ‘n sacoza, i aprì na porta zelestina, tuta scrostata e fat’s da parta i diss” entrat, questa adè cà mia.” Un odor d cios, e d mufa, i m culpì l stomach com na ficonata, lu i mis na scrana atorn a un tavulinet e i diss a me moia “se a s vò setar, noialtri a s setan su la brandina” ‘nfati ader na stanzeta che a diri sgabuzin a si fev un cumpliment, dov lu i vivev let e foch, con il bagn sul pianerot’l che i serviv p’r tuti.
Me a n sapev cosa dir, e p’r fortuna i fù lù a cuminzar ‘l discors. “ La mia adè na lunga storia” i  diss, dop es’r’s setat arent a me su la brandina coperta da un linzol lis e sporch, ” apena a son arivat ‘n America, a m son acort subt che a ne’r facile com a p’nsav, ma dop pogh a n’avev pù nemanch i bagaron p’r tornar a cà, cussì a m son arabatat a far mili m’stieri per tirar a campar, a la fin aio trovat un italian che i m’ha piat a far il camerier. Quand lù iè mort, me aio cuntinuat a far quest mestier un po’ chi, e un po’ la, dov i han bisogn, a n son fiss da nissuna parta, e a z’nar, quand il lavor i cal p’rcos al ven fred, a vegn asù. Da prima a fev ‘l blagon p’r non far veder che aier un mort d fama, e pò dop a son armas piat ‘ntlà taiola del personag, e aio avut vergogna a smet’r.” I s fermò un moment e i zirò la testa dal’altra parta p’r non far veder i lagr,mon, me a m sentiv un magon al  stomach, e anch me moia ader comossa. “a fai na vita com na bestia” i arpiò a dir “ chi poghi bagaron che a guadagn i m van via tra afit e assicurazion che chi ade obbligatoria se t vo lavorar, a tir l’an’ma con i denti p’r metr da parta i bagaron p’r ‘l viaz, ma oramai a son vec e a ni la fai pù” “non venga più!” Al diss a l’umpruvisa me moia, “questa non è vita” al continuò, e me a sapev che quand al parlav in italiano al tocav lasarla dir. “Uno con la sua esperienza e la conoscenza dell’inglese in Italia sarebbe un re, vada in un’altra città, io conosco una grossa catena di grandi alberghi che vuole del personale bilingue, ecco prenda, questo ’indirizzo!” Al diss consegnandi un di chi depliant che a s’ern portati da cà per le informazion. “ mir che adà rason” a diss me “se ta v’rgogna a arvnir ‘n Bonasc’la non veniri pù, la caseta che t’ha, fala afitar da un’Agenzia, o vend’la cussì t’avrà i bagaron p’ri primi tempi!” Lu i s mirò ‘nt’un mod starn, po’ ‘l mus i s raserenò un brisin e i s diss “ aier tant piat a tirar a campar che a n p’nsav che a s’ po’ anch cambiar vita, a v r’ngrazi e a v domand sol un piazer se potet…Non dit a nisun com a son cunz!” “Noialtri a t’abian nemanch vist Piè”a r’spos me “anzi se t’ha bisogn d qualcò quest iè ‘l me nov ‘ndiriz” hai diss dandi un foilet. I volev arcompagnars ma me a n vols. D Piè a n’abian saput pù nova p’r pù d’un an, pò un bel dì, a l’arivò na letra con carta ‘ntestata d’un  alberg d Venezia, drent aier scrit na sola parola: “Grazie.”                                                                               

Volpi Mario

Racconti di questa rubrica

Ti è piaciuta questa sezione, per lasciare un commento

File Audio del Racconto
CarraraOnline.com
CarraraOnline.com
Torna ai contenuti