L baston del coraz - carraraonline.com

Sezione a cura di Mario Volpi
Vai ai contenuti

L baston del coraz

Sol p'r noialtri
File Audio del Racconto

Spetta/le Redazione

Al contrario di oggi, fino a tutti gli anni sessanta l'apprendistato era largamente utilizzato. L'apprendista era il nerbo di una Azienda, e non era difficile trovarne diverse decine anche in Aziende di piccole dimensioni. Secondo il tipo di lavoro che essi svolgevano venivano retribuiti solo con vitto e alloggio, o con beni "in natura" come ad esempio con forme di formaggio per i pastori, che essi potevano rivendere in proprio. Anche se privi di qualunque diritto sindacale, e nella stragrande maggioranza, anche di copertura assicurativa, questa forma di lavoro contribuiva a formare intere legioni di provetti artigiani, e insegnava loro, sin dalla più tenera età, come comportarsi nella Società civile.
8 maggio 2013

‘N cà mia da quand aiò avut la rason, aiè semp’r stat un’invitatat…La miseria!
Quand al finì la guera, me avev set’ani, me frated Piè, zinqui, e a m’arcord come al fus ieri,  clà povra dona d mè mà che mentr tuti i ridevn e i scherzavn, le a d’avev i lagr’mon ai oci,p’rcos mè pà ier dispers n Rusia e i ner tornat a cà.
P’r non fars mancar ‘l magnar, mè mà al fev zent m’stieri, al lavav le scale, a s’ scunsumav i zinoci  a lavar i pani al fium, a l’ndev p’r legna, ma i bagaron i n bastav’n mai.
Cussì quand la moia d Faù ‘l carbonar, a i dis che so cusin i zercav un fant p’r dari d man  su vers Pulica, pur con la morta ‘n tel cor, al diss d si.
A m mis do strazi drent a un sachet, e d bonora a m portò da Faù p’r aspetar che so cusin i v’nis azù col caret. Vers la novi ec’l che i ven…. Ier un’omet alt pogh pù che le stanghe del caret, cunz com Sain, tra ‘l ner del carbon, e la barba, ‘l mus squasi i s’rconos com quel d’un cristian. Quand i s’acost, me a trem com na veta, ma mè mà a m fa coraz e a mi present, lù i m squadr…..I m toch un braz, po’ i  m diz” me a voi un fant che i abi voia d’nparar e che i n’abi tante mussità…Al rest po’ a i pens me …T sen d’acord?” Me a mirò mè mà, po’ a oci bassi a fè d si con la testa. Dop pogh aier ‘nzà setat sul caret che i m portav asù vers Pulica.
Pian pian la temenza d prima a mer pasata, e com l’ingenuità d tuti i fanti, a m godev cla gita vers un post che an’avev mai vist. Eravan d maz e d’aria ader dolza, le rond’ne al pasavn a struss sul cavad p’r ciapar i tafan, i boschi tut a la tonda iern pien di canti di uzedi ‘n primavera, e d quand ‘n quand un merl i traversav la via com un lamp.
Grisò (com i s ciamav al vens a saper sol dop qualch dì) i cuminzò a parlar com na batoreda, i m dis che ier sol al mond  p’rcos so moia ader morta tant temp fa, che lu i campav con le carbonare, ma che mò aier talmente tant lavor che  i ni la fev pù senza qualc’d’un che i dess na man, ech p’rcos i m’avev piat me.’Ntant lema,  lema, eravan arivat a Castelpoz, i f’rmò ‘l baroz e dop averm aiutat a sender i m dis “ t’ha fama?” “ Semp’r “ ai r’spos me. Lù i fè un surisin sot ai bafi e i m portò drent al forn che ier arent a la via. I salutò ‘l padron com se i fus’n fratedi, po’ i m presentò com ‘l so “squasi carbonar ‘n prova” i m fè setar a un tavulin e dop un segond aveve davanti na feta d castagnaz grossa com na tavla “ magn che t dovent grand “i m dis, me am’l fè dir do volte e con do bocate a la fe sparir, cussì com a fè sparir la segonda, e la terza. Quand arpiast’n l viaz a m vens un’abioch, e a m son sviat solamente quand oramai eravan arivati.
La cà ader apena fora dal paese, e al parev quela dla Barbantana, da tant che ader cunza. Tuta circondata da piante d castagn, con i scuri ale finè mez scalamati, le parete scrostate com se al fus state piate a piconate, tant che a s vedev i badon d sot, i tra’vli dle gronde mezi marzi i s spicodav’n  ‘nt’ vot com se i s voles’n cavar dal mond, na scala nera d loz, e senza ringhiera al portav al pian d sopr.
“Ven” i mi dis “a t fai v’der dov t durmirà”. La stanza ader grosa squasi com tuta la cà dov a stev con me mà, e alta sempr, tuta inbiancata d fresch a calzina, col paviment d maton colorati d ross, anch chi d fresch p’rcos a s sentiv sempr l’odor dla v’rniza. Propi in mez un leton d fer batut, copert da diverse pede d pecra d’un bel bianch, con un piumaz gros com un sach dal fen. Me squasi a n credev a quel che a v’dev e quand i m domandò se a m piazev, pogh al mancò che al basas.La matina dop i m vens a sviar che ader ancamò bui, e m portò ‘ntlà stada, dov i m fe v’der com a s fev a munz’r la vaca, a dari da magnar, insoma tuti chi lavori che dop imparat, avrè duvut far da me. Dop na taza d lat grosa com un lavez, e do tochi d pan alti tre diti, i m portò ‘ntel bosch, ‘ndov  i avrè fat la carbonara.
Arivati sul post i cuminzo a butar zù i arbri, e man, e man che i cascavn, me con un p’nat a dovev tagliar i brochi pu fin, forsi al sirà stat p’r la nuvità, o forsi p’rcos finalmente a mer levat le crespe dal buz, fatostà che me a i dev drent con pasion, e quand al vens mezdì aier sfat com un gualch. I mesi i pasavn, e me a doventav sempr pù brav, avev imparat a far la carbonara, ben squasi com lu. Star sempr p’ri boschi a m piazev un muc, Grisò i m‘signav le piante bone da quele vilinose, a conos’r i uzedi dai versi che i fev’n, a piazar le trap’le p’r i tordi e i merli, i m insignav i posti dov al fev i funzi, i lampon, e le mortede, insoma a m s’ntiv un Signor ‘n paradis se a nu fus p’r cla fitareda che a sentiv ogni volta che arp’nsav a ca!
Un bel dì Grisò i decis d far do carbonare a la volta, tant i dizev “una tla mir te e c’daltra a la mir me” me a doventò un pavon da tant che aier gonfi, ma a m’er scordat che le carbonare una volta azese al tocav mirarle anch d nota.
Fina mò ier lu che d nota ogni tant ‘ndev a dari un’ociata che a n pias’n foch, ma mo a m tocav anch a me, e me d nota avev na fifa blu.
E al vens la nota fatale…..Vers mezanota a piast’n un lum a petroli p’r un, e un d chi e l’altr d la ,a ses’n azù p’r l bosch. Eravan d’otobr, e sot i arbri aier un let d foie seche che sot i pè al cantav’n com capinere, un ventizel zelat i movev i brochi che al lum sbaluzicant, e ai me oci da fant, i parevn brazi d qualcun che i m ciamas, i capedi i ern cussì driti che se al fus piovut curalin i saren dov’tati codane.
Aier squasi a meza via quand al capitò la tragedia, un zinghial forsi pù spav’ntat d me, i scatò ‘n pe e i parti com un raz, azù p’r ‘l bosch com na varata ‘nt’un ravanet.
Al fù trop….Urland com un paz, le gambe a m tocav’n ‘l cul, e tre segondi dop a ier fora d cà, ross com un gadinaz, e con le braghe …..Bagne. Quand al rivo Grisò a i dovet dir quel che a ier suces, e po’ a i diss “ ma vò, d nota….Na avet paura?” “Me no” i m’rspos “me aio ‘l baston del coraz….Doman a t’l fai v’der”.
Al fù la pez nota dlà me vita….’L bafarded i stè as’tat sul me pet tuta la nota…Mentr streghe e mostri i zirav’n p’r la stanza. Sol quand un barlum d sol i filtrò dai scuri a m ‘adurmi com un groton. Ader di fat quand a sentì su la fronta la man calosa d Grisò, che setat sul let i m dis com a stev.
Me pien d vergogna a diss che mò a stev ben, ma che con la nota la paura al sirè ar’vnuta. Lu i mi miro seri ‘nt’l mus, e i m diss “a niè da vergognars d’aver paura…Sol i semi i ni l’han….e te ‘ntl’sen….Da fant una volta a m suces lo stes anch a me, ma me pà i ma dat ‘l baston del coraz, ven che a t’l fai v’der!”
P’r la prima volta da quand aier arivat a cà soa i m portò ‘ntlà sò stanza.
Ad’er grosa com la mia, con ‘n mez un leton a do piaze tut d legn mased, con sù la t’stata un quadr con la Madona  con dle colombe ‘n man, un credenzion a quatr porte con un spec i ocupav squasi tuta la pareta, mentr d front aier un cantaran a cinqui caseti con le manece d’os uguali al credenzion, il pian ier d marm, con un spec drent a una curniza d legn, che al parev che a s’arampicas su p’r la pareta, e che al f’niv con do anzoleti che i s’abrazav’n. Sul pian d marm aier do fotografie a mez bust d’una dona zovna, e d’un ninin  v’stit a la marinara, con un lumin azes davant.
Da un caset del cantaran i tirò fora un baston, con i brochi tuti zirati ala tonda che i f’niv’n drent un puntal d fer,” t ved” i diss”s’t baston i la dat a me pà ‘l so nònò, che i l’ha avut dal so nònò, che al par che i l’abi dat un magh. La facenda al funzion cussì….Te t’l dev meter d dì ‘nt’l post che pù i t fa paura, e po’, a mezanota  t’l và arpiar….Com tl’avrà ‘n man pù nient al mond a t potra spav’ntar!”
Al fu cussì che ‘l di dop a parti vers ‘l mulin d Rizieri.
Ier un post che i m’avev sempr fat paura, p’rcos ier un t’una gola dov ‘l sol i s vedev a malapena, e per pogh, sol d’estata, una cà scalamata con le finestre e la porta che al parevn disegnar ‘ntla fazata la ghigna d’un mort, e dov p’r zunta i dizev’n che a si ars’ntis, tuta la tonda arbri e mazron i completav’n d’opra.
A piantò il baston propi davanti a la soia, cunvint drent d me che a na avrè mai avut il coraz d’arv’nir d nota a apiarl.
Al pasò squasi nà stimana prima che a m decides al grand pas…Grisò i m dizev nà parola, ma mè a capiv che i cuminzav a dubitar d me, cussi a mezanota a partì.
Ader na nota d luna piena, e quasi il lum a petroli i n serviv, col cor che al parev che i voles surtirm fora dal pet a cuminzò a entrar ‘nt’l bosch.
L silenzi i fev squasi mal a i oreci….A ogni pas la paura a m stribiav sempr pu l’stomch con le so man zelate, l’url d’una golpa in lontananza a m fè v’nir i sudori m’nuti zù p’r la s’cena, ‘ntant la luna al parev zocar a nascundin tra i rami, disegnand ombre d draghi e foleti.
Vinzend la voia d’artonar ‘ndret a son arivat a poghi metri da la ca maladeta, con il baston ben ‘n vista piantat davanti a la porta. I oci i m brusav’n a forza d sforzarm d zercar d v’der ‘ntl’bui, e drent d me a ier sicur che la Barbantana nascosta dop la porta, a m’avre piat non apena aves tocat ‘l baston. Po’ qualcò a m scatò ‘ntl zerved, che al sucedess quel che al dovev suceder,  me a dovev piarl…A parti d corsa e com a piò ‘l baston un’url d liberazion i s’alzò vers la luna, e sol dop a m’acors che aie me che a urlav com un lup. D colp la paura al volò via,e me a m’ senti l’om pu fort e corazos dla tera e cantand arpiò la via d cà.
Da c’l di i en pasati pù d zinquant’ani…E ntl’me cor i sirà sempr un post d’onor p’r un’om, che, mei d mili maesti i ha saput trasformar un ninin d set’ani in t’om.


Volpi Mario

Racconti di questa rubrica

Ti è piaciuta questa sezione, per lasciare un commento

File Audio del Racconto
CarraraOnline.com
CarraraOnline.com
Torna ai contenuti