L fiol del padron - carraraonline.com

Sezione a cura di Mario Volpi
Vai ai contenuti

L fiol del padron

Sol p'r noialtri
File Audio del Racconto

Spetta/le Redazione
In un'epoca in cui l'agricoltura era l'attività trainante della Società, era semplice nella mente ingenua di un bambino, compatire il "fiol del padron" (il figlio del padrone) in questo caso un ricco proprietario terriero, per la sua "sfortuna" di avere una Tata che lo controllasse, e lo tenesse relegato all'interno di una casa principesca, impedendogli di giocare libero per boschi e prati, dimenticandosi però, che lui, pur avendo questa opportunità, gli era spesso preclusa quella molto più importante di poter mangiare tutti i giorni.
25 Aprile 2013

Mè e  Vangì eravan nati a pochi dì d distanza un da ch’d’altr. Vizin d cà, eravan cr’suti ‘nsema. ‘L prim dì d scola eravan andati a setars al prim banch, e da cl’dì lì an s siam pù divisi, tant  che i s ciamav’n “ I gemelin “.
Me a stevn ‘n Bonascla, ‘nt’una caseta  propi sot la Provinciale, e lù su p’r la via Fonda, ‘nt’un cason  ‘n mez a i campi, p’rcos sò pà, i fev ‘l mezadr p’r un notar d Massa.
Mè pà i lavorav a la cava, ma spes e volentera i ‘ndev a dar d man al pà d Vangì, e  anch mè mà ader sempr ‘n cà da lor p’r aiutar far qualcò, ‘n cambi  a s magnav lì, e a s portav a cà un po’ d v’rdura, dò fruti, na brancata d farina, e cussì via.
Un bel dì, eravan  ai ultimi d Setembra, la  Giò, che al sirè stata la mà d Vangì, al vens ‘n cà nostra, e al dis a me mà che la domenica dop a i sarè stat la vendemia, e sicome al v’niv anch ‘l padron con la so moia, a i sarè piazut che a l’ndes a far la stocafisata, p’rcos com a la fev lè, an la fev nisun, e lè al volev far bela figura con la padrona.
Cussì na stimana dop ech’s chi; ‘l sol i n’r anch spuntat che mè, mè pà, e mè mà, eravan ‘n camin com i tre Remagi* vers la cà d Vangì.
So pà, Faù i er ‘nzà tla stada a munzer, e mè pà i cuminzò subt a dari d man, entrati n cà, la Giò a s det ‘l bongiorno con na tazona d lat, e dò tochi d pan fat ‘n cà, spessi com un tav’lon, po’ al  piò da parta me e Vangì e a s dis “ ozi al v’nirà ‘l padron con la moia e sò fiol, a m’arcomand! Non fatm far dle brute figure, anzi al sirà mei che piast ‘n consegna ‘l fant e stass atenti che i ‘n s’abi a far di mali, fat’l svagar, ma con giudizi “ un discors cussì, dit a dò fanti d pogh pù d ot’ani i s fè gonfiar ‘l pet d’orgoi, senza contar po’che i s’evitav d coir i gran com a s fev sempr.
‘N’tant fora al cuminzav a nas’r ‘l dì. ‘L sol i metev fora la testa d dret a Pianamaz, ‘l gadet i cuminzav a cantar, ’nsema al merl drent al maz’ron, le rondne da drent la stada al spicav’n ‘l vol p’r ciapar i mus’lin che a s vedev badar tra ‘l lum e scur. Me pà e Faù i atacav’n i bò a la tragia, p’r portar la mastra e i bigonzi sot al montzed d Ripa, p’rcos al tocav cuminzar da li, p’r po’ sender vers le piane. Vers la seta al cuminzò a rivar anch  queli che i dovevn stacar, tuti fanti e fante del post, che la Giò al mis subt ‘n riga com un caporal con i soldati. A la ot al vens un machinon tut ner, al ses un, vestit com un general, che i reprì le porte a un’omet alt un metr e zero, gras com un porzed, e na signora tuta vestita d ross, col caped largh com na zista, piena d codane com un’albr d Natal, e subt dret, un ninin, grand com noialtri, muf com la zera, vestit da marinar che i s fè sciopar da le risate, pien com i er d nastrin e trinete. Pogh al mancò che Faù e la Giò i basas’n anch i pè da tant che i fevn i melensi con chi dò bagaronai lì, noaltri ‘nveza senza  far tante storie a s’avizinast’n al fant e mè a i dis” ciao, me a son  Guido, e luchì i è Vangì, te com t t ciam?”  Lù i s det n’ociata squasi spaventat po’ i diss  in italian “ mi chiamo Leopoldo. ”Pogh  al mancò che a m venis i strangugion da le risate, ma a fè finta d nient e a i dis “ven Leo, che a t fian veder ‘l post” Per tuta la matina al fest’n caminar com un raz, a i fest’n veder le vache, anch se lù i avev paura, i p’lin dret a la chiocia, al portast’n a magnar d’ua moscata, e quela corneta, p’r lù tut i er nov, quand po’ i fanti che i stacav’n, i cuminzar’n a dar adret a le fante, per  stupizari sul mus ‘l tintoret*i cuminzò a sganasars da le risate, tant che i arpiò anch  un po’ d color.
Quand al vens ora d magnar, ‘n s’ fè cumpantir e i fè fora un tof d polenta gros com na cà, afogata drent a un mar d stocafis al sug, a sera eravan amici p’r  la peda, ma  p’r lù ader ora d tornar a cà.
Al pasò un bel po’ d temp, eravan  ‘nzà sot a le feste d Natal, quand la Giò al dis a mè mà, che la signora  a d’avev chiest, che sicome ‘l fiol ier armas  content dla nostra cumpania, se al fusn state contente d mandars a cà soa un dì, prima dle feste d Natal.
A dir d si a fest’n ‘l foch, e cussì dop a pogh, lustri com do gelati, me e Vangì eravan pronti p’r ‘l grande viaz, ‘nfati p’r noialtri Massa, al dovev eser a c’d’altr cap del mond.
Dita e fata, dop un po’ che a spetav’n ‘n zim a la via, ech rivar la tomobile nera, a montari su avev squasi temenza, ma a m fè coraz e a m setò ‘n t’una poltrona d coi ross,  larga com ‘l mè  poz’let, Vangì  i n fiatav pù neanche, e i vens a setars arent a me, po’ il general i cios la porta e a partist’n.
I albri, i pali dla luce, e le cà al scapavn dai f’nstrin, mentre la machina  a s portav in silenzi vers  la cà d Leopoldo. Altr che cà!!!!  Ader pù alta del palaz dle scole d Punzimat, tut a la tonda un prat con un’erba che al parev piturata da quant ader precisa, con di albri che mè a na avev mai vist. Sul porton a spetars a ier Leopoldo con na signora tuta v’stita d ner, chisà? Forsi ader ‘n luto! I s salutò e po’ i s’acompagnò ‘n cà.
Me un lavor cussì a l’avev mai vist......Un salon grand com la piaza d M’lara, tut d marm bianch, con na scala tuta storta che al montav al pian d sopr, con na ringhiera d marm ner tuta ‘n mased, ‘n zim aier na statua d’un ‘om con un libr ‘n man, la so stanza po’ al parev  la cà  dla P’fana! Cavadi a dondolo, birili, sciopi, pistole, d tamburi po’ a i ner na sbarica, grandi e picli, a me e a Vangì a s cuminzò a zirar la testa a v’der tut c’l ben d Dio.
A piò un tambur, ma  a n fè a temp a pistari su che  Leo i m dis “ aspetta....Chiedo alla Tata se puoi suonare.” E mò, chi adè sta tata? A m diss tra me e mè, po’ a scuprì che ader quela v’stita a lut d prima. ‘Nsoma, per tut al tocav domandar a la tata, “ ma a ni è tò mà?” Ai diss, e lù i m r’spos che ader sempr  fora a far qualcò, so pà ‘l v’dev nà volta ogni morta d Papa, la sò vita ader sempr cios drent lì ,a dars da dir con la tata.
A zocast’n un po’, ma a noialtri a s mancav i pozi da saltar, i albri per rampicars, i maz’ron da r’mpiatars p’r zocar a guardie e ladri,  la via per far a le padine, o a piastra e latin, li al parev d’esr ‘n galera.
A sera, mentr la machina a s portav a cà, Vangì i m de na gomtat ‘nt’un fianch e i dis pian pianin p’r non far sentir dal genaral “ pov’r Leo.......Pens che sfurtuna eser nat  fiol d’un padron!!!”


Volpi Mario

Racconti di questa rubrica

Ti è piaciuta questa sezione, per lasciare un commento

File Audio del Racconto
CarraraOnline.com
CarraraOnline.com
Torna ai contenuti