L progress - carraraonline.com

Sezione a cura di Mario Volpi
Vai ai contenuti

L progress

Sol p'r noialtri
File Audio del Racconto

Spetta/le Redazione
Oggi tutto e tutti, si muovono a velocità supersonica, per quelli della mia generazione i cambiamenti di vita avvengono a una tale velocità che si fatica a stargli dietro, così la maggior parte di noi rimane indietro, e si ritrova sempre più in un mondo ostile e alieno, dove non si riconoscono più i valori con cui siamo cresciuti. Si dice che il Progresso deve andare avanti, che non lo si può fermare, ma creare così tante persone culturalmente sole e infelici si può chiamare Pregresso?


26 Giugno 2013

P’r queli dla me generazion, ìl mond i camin trop ‘n freta. A volte quand arcont ai nipoti com ader la vita a Carrara zinquant’ani fa, i m mir’n com se arcontass dle fole, o se a fuss ‘nzà culpit dala demenza senile, ‘nveza adè tuta vrità. Del rest...I han rason! Com a s po’ far cred’r a un fant d’ozidi, che i va ‘n zir amanit com un figurin, con firmat anch le mutande, che na volta noialtri fanti, avev’n sempr l stess par d calzunzin curti, sia d’estata che d’nvern? E som grazia averli! Com a s fa a diri che mentr lor ien stati tirati su a omogenizati e papine, noialtri ader festa se a magnav’n una po d polenta na volta al di? E pur eravan contenti! Forsi p’rcos la miseria adè na bona maè, che a l’nsigni a contentars d quel che a sa. Iern sicuramente tempi duri e tribolati, ma me ogni tant a m ven la nostalgia, prima d tut, p’rcos aier zov’n com d’acqua, ma sopratut, p’rcos la vita ader pu a misura d’om, senza tuta sta furia, e sopratut il menefreghismo che aie ozidì. I fanti d’ozi i s’mazin neanche d aver pers p’r sempr un toch importante dla lor, e nostra storia, com p’r esempi i mestieri d’una volta, che dop aver acompagnat la Società p’r secli, ien spariti p’r sempr, cussì, in t’un moment, senza lasar nemanch un segn! Com ‘l butinar, i viazav p’r lo pù d nota, con un caret tirat da un mic, con ‘nzim na bota d legn. I tirav su il butin dal poz ner con la pipa, in metev un po’ ‘nt’un bicer e i l’asaz’av, p’r sentir se ier fat, o com l strazar, che i fev la felicità d noialtri fanti, p’rcos i s dev na girandola d celuloide ogni vinti chili d fer. Anche l’arutin e l’ombrelai ien spariti, mentr l stagnin, i s’e trasformat, e ozi i s fa ciamar idraulico, e i s fa pagar com un Primari, ma na volta i s’acont’ntav d’agiustar le pignate, o anch i cocon. Quand a s rumpiv ‘l concon ader na tragedia, adora lu i fev do bucheti col viulin dov aier la vessa, e dop averi mis una po d pecia, bugita e do grapete d fil d fer, il fev ardov’ntar com nov. Ozi na famigia adè rar che a l’abi pù d do fioli, ma na volta diezi, o dodz, ader la regola, senza contar queli che i muriv’n prima d aver compiut d’an. La nostra ca ader la via, polv’rosa d’estata, e un pantan d’nvern, ma dov t potev zocar tranquil a bombia, nascundin, o a piastra e latin, senza la paura d finir sot qualch machina, dat che an pasav una ogni morta d Papa. D sicur aner ‘l massimo dl’educazion p’r un fant, ma a t ‘nsegnav a sgavugiart, per zocar da li e pogh, al zoch d sicur pu ‘mportante dla vita d tuti i dì. A ‘mparavn a piar da la Natura tut quel che a s potev dar, ma anch a rispetarla, anch sol p’r una forma d’egoismo, p’rcos, se a piav’n tropi nidi, o trope anguile ‘nt’el b’tal, l’an dop a niner pù. Spess e volentera a zena aier sol i erbi che a s fev noialtri fanti, a li conosev’n tuti, ma a piav’n sol queli pu sapuriti com i zinestredi, i castracan o i rapon’zli, mentr con i pori o i asparagi selvatichi a s fev dle fritate che adern la fin d’l mond. Com tuti i fanti anch noialtri a fev’n le marachede, com fumar la caprazopa p’r sentirs grandi, o schizar ‘l potasi ‘nsema al zolf’n p’r far i colpi, o robar la fruta ‘n quel del vizin s cà, ma confront a mo, eravan di santi. ‘L rispet p’r queli pù veci ier na regola d fer, e quest non sol p’r le none o i nònò, ma p’r tuti i veci; p’r esempi un vec i potev ciamar un bardason a cas, senza nemanch conos’rl e diri ” ninon to!.. Vam a comprar un mez zigar al tabachin” e quel indev che i parev pagat. Mo adè squasi sicur che oltre a fregari i bagaron, ‘l vec i pirè anch un tafon. I zov’n ozi i n pos’n concepir la vita senza ‘l tefefunin, ma a i me tempi ‘l telefon a d’avev ‘l dotor, i carabinieri, e ‘l tabachin, dov p’r telefonar a i volev ‘l getone, che i gostav ben trenta franchi, anzi na bireta no?
Quand a parl a i pu zov’ni d sti lavori, i m diz’n che a son antich com Noè, che mo ‘l mond ie cambiat, che il progress i camin d corsa e che in s po f’rmar.
Al sirà anch vera, ma a n vorè che a forza d’andar d corsa, st mond i scapuzass, e i cascass ‘n tera.  

Volpi Mario

Racconti di questa rubrica

Ti è piaciuta questa sezione, per lasciare un commento

File Audio del Racconto
CarraraOnline.com
CarraraOnline.com
Torna ai contenuti