Bagnone C. Malaspina - carraraonline.com

Vai ai contenuti

Menu principale:

Bagnone C. Malaspina

Castelli della Lunigiana

Come raggiungerlo:
Uscita casello autostradale di Aulla, proseguire per la strada statale della Cisa in direzione Villafranca e poi proseguire per Bagnone

Cenni storici:
Il borgo di Bagnone si trova citato per la prima volta in un documento del 1148 anche se certamente l’origine del paese è senz’altro molto più antica. Dell’antico castello oggi resta soltanto la torre circolare la cui costruzione sembra risalire ai secoli XV-XVI. Nel 1450 la famiglia Nicoli apportò numerose modifiche e ristrutturazioni. Oggi con il nome Castello si intende tutta la zona limitrofa compresa l'antica chiesa di S. Nicolò.  
Il castello di Bagnone è stato fino a pochi anni fa, abitato dall' ultima Contessa Noceti.
Oggi il castello è di proprietà privata.

Bagnone

Nozioni storiche
Anticamente Bagnone era solo il Castello, il borgo medievale si è sviluppato più tardi, secolo IV sotto la dinastia dei Malaspina dello Spino Fiorito di Filattiera, e nella metà del 400 passò ai Conti Noceti e poi sotto il governo fiorentino.
Bagnone nel medioevo era un centro commerciale con numerosi mercati e fiere : la più importante è quella S. Caterina 25 novembre

Da visitare
A pochi km consigliamo la visita al borgo medievale di Castiglione delle Terziere

Enogastronomia
Castagne – funghi – pastorizia – torta d’ erbe – la famosa cipolla di Treschietto

Da ricordare
3 maggio la festa di S. Croce

La dea Bendata abita a Bagnone

Comunicato-Stampa 24 agosto 2009

Bagnone (Massa-Carrara)

LA DEA BENDATA ABITA A BAGNONE
In occasione della vincita milionaria al Superenalotto, il ridente paesino della Lunigiana svela finalmente il suo segreto

Felicità, moltissima; stupore, un po' meno: il "6" al Superenalotto, atteso da sette mesi e centrato a Bagnone, non ha meravigliato più di tanto gli abitanti dell'ameno borgo della Lunigiana, in Toscana. Tra le 2.000 anime del paese, in provincia di Massa-Carrara, aleggia anche quella della Fortuna che ha preso dimora sotto i portici medioevali, unici del genere nel territorio.

Per la precisione, la Dea bendata si nasconde sotto le stilizzazioni scultoree di un "giglio fiorentino", probabilmente della fine del '400, immortalato nella pietra arenaria (elemento caratterizzante di Bagnone) di una delle colonne del porticato.

Il mistero della "buona sorte" che accompagna Bagnone sta in questa opera muraria che elargisce i suoi effetti benefici se viene strofinata con il palmo della mano. Ma perché il questuante possa veder realizzato il suo desiderio deve compiere il gesto per tre volte consecutive.

Il magico portafortuna è stato senz'altro "consultato" dall'ignoto bagnonese che si è portato a casa l'ingente somma di 146.900.00 € con una mini-giocata da 2 €. I suoi concittadini sono certi dell'intervento del "giglio fiorentino" nella vincita da record, come in molti altri eventi "fortunati", accaduti nel borgo, tra cui un'altra corposa vincita al Totocalcio.

Il sindaco di Bagnone, l'architetto Gianfranco Lazzeroni, non ha dubbi: "Il nostro paese ultimamente è baciato dalla Fortuna! I progetti della comunità stanno andando tutti a buon fine; le iniziative, anche giovanili, riscuotono successo, come la Musica nei Borghi e il "matrimonio" di Madama la "cipolla di Treschietto" con Messer Vino Rosato. Vogliamo ricordare anche il buon esito del difficilissimo trapianto di cuore eseguito recentemente su una bambina bagnonese di 10 anni".

Il paese, che si raggiunge tramite la A 15 della Cisa (uscita Pontremoli, a nord, oppure Aulla, a Sud), è in festa e le supposizioni sull'identità del vincitore si intrecciano. L'annuncio ufficiale della giocata milionaria a Bagnone è stato accompagnato da un fenomeno insolito, interpretato come un segno di buon auspicio: il cielo, nella serata di sabato 22 agosto, è stato percorso da bagliori e saette, senza tuoni e nemmeno una goccia di pioggia.

L'assalto dei media ha reso giustizia a questa piccola ma affascinante realtà turistica d'Italia, che è balzata agli onori delle cronache, dal Perù al Belgio, dall'Australia all'Olanda.
Il primo cittadino si augura che i riflettori della ribalta mondiale non si spengano presto su Bagnone perché la località merita attenzione non solo per essere la sede del "6" milionario ma soprattutto per la bellezza del paesaggio, racchiuso tra crinali appenninici e corsi fluviali, le vestigia storiche e culturali, tra cui le antiche statue-stele, i castelli dei signori Malaspina  e il Parco naturale della Valle del Bagnone, i gustosi prodotti enogastronomici, come i testaroli e la dolce Cipolla di Treschietto (dotata anche di poteri antifantasma), e, perché no, il "giglio fiorentino", eccezionale porta-fortuna…


Per informazioni:
Ufficio Stampa Comune di Bagnone:
Rosanna Ercole Mellone, 0187/49510     cell 348/5425583        347/8161012 tel. 0521/483988 -  e-mail  mellonea@tin.it         rercolem@tin.it )

U.R.P., Comune di Bagnone: Federica Giga (cell 339/8554227), tel. 0187/42781; fax 0187/429210; segreteria@comune.bagnone.ms.it  


IERA OGGI DOMANI

Oggi 8 Luglio 2007 La distruzione dell'uomo è arrivata anche a Iera. Stanno realizzando una strada in mezzo al bosco di castagni e deviando il corso del torrente Bagnone, rovinando habitat e natura. In un era dove non si parla d'altro di conservare questa natura NON CI RESTA ALTRO DA DIRE CHE......  COMPLIMENTI UOMO, CONTINUA COSI' sei sulla strada giusta dell'autodistruzzione.

C'è solo questa terra,questa natura, una vita in cui possiamo evitare di distruggerla...
uomo fermati!!!!!!!!!!!!!!!!

Mappa dei castelli
title=Sarzana
Borghi Medievali





Torna ai contenuti | Torna al menu