Fivizzano C. della Verrucola - carraraonline.com

Vai ai contenuti

Menu principale:

Fivizzano C. della Verrucola

Castelli della Lunigiana

Castello di Fivizzano in lunigiana castello della Verrucola

Come raggiungerlo:

uscita casello autostradale di Aulla e proseguire per Pallerone statale n° 63 fino a Fivizzano

Cenni storici il castello
Il castello della Verrucola con la sua imponente costruzione è un eccellente testimonianza di architettura medioevale.
E' stato al centro di sanguinose battaglie , C.Castracani lo violò nel 1317, ma Spinetta Malaspina riuscì ad riconquistarlo dieci anni più tardi.
Oggi il castello è di proprietà privata.
+ informazioni

Nozioni storiche
Fivizzano conosciuto in passato con il pseudonimo di “ Forum “ [ secolo XII ] indicava luogo di mercato, punto di ristoro per i forestieri che transitavano dalla Garfagnana verso il nord d’Italia. Fivizzano come la maggior parte dei paesi della Lunigiana fu controllato dal casato dei Malaspina per diversi secoli. Con la scomparsa dell’ultimo marchese Spinetta il paese passò sotto il controllo della Repubblica Fiorentina. Per la sua posizione geografica il feudo conobbe numerose sommosse e battaglie passando sotto diverse dinastie : Castruccio Castraccani, i Visconti di Milano, Carlo VIII, Ludovico di Borbone e nel 1800 sotto il controllo di Elisa Bonaparte che rimase fino al Congresso di Vienna [ 1814 ]. Dopo l’ alternarsi dei Ducati di Toscana e Modena, con l’ Unità d’ Italia Fivizzano fu accorpato alla regione Toscana provincia di Massa Carrara.
+ informazioni


La chiesa di Sant' Antonio Abate

La chiesa, edificata nel 300, fu ampliata nel 1576 invertendone l'orientamento.
Nell' antico fonte battesimale della chiesa sono presenti due simboli di straordinario interesse : il tau, appartenente all'iconografia di Sant' Antonio del fuoco, che fu il segno dell' Ordine dei Frati di Saint' Antonio de Vienne in Ftancia; e il bordone, il bastone con la punta di metallo ed il gancio per la zucca dell'acqua, che divenne il simbolo dei pellegrini di Santiago de Compostela in Spagna.
Le iniziali SA e Si indicano Sant' Antonio e San Jacopo.
Si tratta di uno dei più significativi segnali del pellegrinaggio antoniano e jacopeo, fra loro fortemente uniti e molto diffuso in lunigiana.

+ informazioni


Enogastronomia

Cucina povera e saporita come per gli altri paesi della Lunigiana trova gli ingredienti nella propria terra, ricordiamo : [link:2]la polenta incatenata[/link:2] fatta con resti di maiale minestre a base di cereali – polenta preparata in vari modi.

Da ricordare
La festa di Reggio dedicata all' apparizione della Vergine [ 5 maggio 1596 ] metà luglio
Segnaliamo la manifestazione folcloristica cinquecentesca degli Arcieri in piazza Medicea. Sbandieratori, musiche e danze rinascimentali.
La fiera di S. Gimignano 31 gennaio - fiera di S. Filippo 26 maggio – fiera di S. M artino 11 novembre – fiera di S. Lucia 11 dicembre.



Da visitare
Il castello della Verrucola, la chiesa parrocchiale risalente al 1300, oratorio di S.Carlo [ 1700 ] , la pieve romanica di Pognana.
Oratorio di San Carlo

L'oratorio fu edificato nel 1702 da Carlo Vieri, governatore di Lunigiana e presenta un bel portale barocco in pietra. All'interno l'altare è decorato con stucci e con l'immagine della Santissima Annunziata e i Santi Carlo Borromeo e Antonio da Padova.
Le pareti e la volta sono decorate da immagini della Nativittà, della nascita di Maria e di Profeti.
Interessante è la tompa posta al centro dell'oratorio che raccogle le spoglie di Giovanni Fantoni.
+ informazioni

Mappa dei castelli
title=Sarzana
Borghi Medievali





Torna ai contenuti | Torna al menu