CarraonlineBlog IL MURO - carraraonline.com

Vai ai contenuti

Porciarasco il paese fantasma

III capitolo
Chi vive in quella casa
Girando tra i ruderi del paese m’imbattei in una casetta ben curata sulla porta d’ingresso della quale un foglietto attaccato con dello scotch riportava questa dicitura: “La salvezza di questo mondo non risiede altrove se non nel cuore dell’uomo, nel suo potere di riflettere, nella sua gentilezza e nella sua responsabilità” Vàclav Havel. Fuori nel piccolo giardino circondato da fiori c’erano istallazioni artistiche in legno e in pietra. Sopra ad un tavolo in ferro...
CarraraOnline | 14/10/2020

Porciorasco il paese fantasma

“Riposo eterno”, è il primo capitolo del “Paese fantasma”. Questo racconto storico diviso in cinque capitoli vi farà conoscere un paese dimenticato nel tempo tra le vallate liguri, e se lo seguirete fino alla fine, scoprirete cosa vidi quel giorno alla finestra sul cortile.
CararraOnline | 3/10/2020

Il paese rubato nel vento

Durante l'alto Medioevo il feudo di Cornoviglio era controllato dal ramo obertengo degli Estensi e in seguito passò sotto la dinastia dei Malaspina che nel XIII secolo, si trovarono a fronteggiare gli attacchi del vescovo di Luni...
CararraOnline | 21/7/2020

San Caprasio - il pellegrino

Aulla è in assoluto uno dei più antichi luoghi di ospitalità e preghiera sorti sulla Via Francigena: quando tra il 990 ed il 994 giunse ad Aulla Sigerico, arcivescovo dì Canterbury, la sua abbazia già ospitava le reliquie di San Caprasio, qui portate dalla Provenza tra l'885 e I'896 da Adalberto II di Toscana.
CarraraOnline | 12/7/2020

Santuario degli Oliveti

Il Santuario si trova in via degli Oliveti a Massa. Oggi e conglobato nella Zona Industriale Apuana a ridosso del Nuovo Pignone, ma un tempo come si può ben intuire dal nome, l’intera zona era una vasta estensione di ulivi, dove al centro si erigeva, l’edifico sacro. Le poche piante rimaste nel giardino oggi sono l’ultima testimonianza
CararraOnline | 5/4/2020

Pallerone che non conosci

Pallerone è da sempre associato al presepe meccanico costruito nei primi anni trenta. Passando dal piccolo borgo tagliato in due dalla via Filippo Turatti ( ss63 ) il paese apparentemente non offre alla vista del viaggiatore opere interessanti degne di una sosta.
CarraraOnline | 4/1/2020
Torna ai contenuti