Poesie - carraraonline.com

Vai ai contenuti

Poesie

Dialetto
L p’scator

P’r Silvà la pesca adè  la vita.
Iè sempr stat cussì, fina da fant!
‘L fium p’r lu, ie na calamita
se i ni va, i f’nis al camp’sant!

La moia adè sempr a bisotar
p’rcos i ni è mai, i la trascur!
Ma la so pasion, adè sol ‘l p’scar
in la sent! Ie pù dur che ‘l mur!

Un dì, iavev ‘nzà piazat ‘l cavadet
ma ‘l vent i piegav ‘nfin la cana
i decis d’artornar ‘n let
ier sempr a temp p’r arfar la nana.

La moia che al durmiv, adè zirata
lu i di ” aiè un vent che i t fa volar!”
Le al r’spond ancamò mez alopiata
“ e c’l zò d me marit, iè a p’scar!”

Mario Volpi
ASCOLTA LA POESIA

Chi di noi non ha una passione o un hobby che lo coinvolge completamente? Spesso però è tale la forza delle nostre passioni che pecchiamo di egoismo nei confronti di chi ci sta vicino, che è costretto a difendersi....come può.
Vintitré Dizembr. Drent a ca' mia a stai sprofondat su la mè poltrona; Vzin a mé la moia ch'a'l stir. A lass pr'un moment 'l mè giornal p'r metr menta a d'albr de Natal. Mirand le padine colorate, a m' s'apizc 'n tl' p'nser un arcobaleno de cont'nteza chi m' dà la frenesia! A m'arven'l desideri d'un temp luntan, squasi scordat. ...I pani da stirar i 'en'nza f'niti... La moia a s'asset v'zin a mé! Che tenereza ch'a'm pig, che sapor quest'abraz: i m' dà 'l calor d'un foc e a son lizer com un' straz! Po', una careza, un bas ardent e carnal! Finalmente qualc'ò d' sta vita p'r'un moment i val!: QUANT 'I M' PIAZ ST'ALBR DE NATAL!!

Saverio Battani
Ventitré Dicembre.
Dentro casa mia sto sprofondato sulla mia poltrona;
Vicino a mé la moglie che stira.
Lascio per un momento il mio giornale
per metter mente all'albero di Natale.
Guardando le palline colorate, mi s'appiccica nel pensiero
un arcobaleno di contentezza che mi dà la frenesia!
Mi ritorna il desiderio di un tempo lontano, quasi dimenticato.
….I panni da stirare sono già finiti….
La moglie si siede vicino a me!
Che tenerezza che mi prende, che sapore quest'abbraccio!:
mi dà il calore di un fuoco e son leggero come uno straccio.
Poi, una carezza, un bacio ardente e carnale!!
Finalmente qualche cosa di questa vita per un momento vale!
Quanto mi piace quest'albero di Natale!!

(Traduzione dal dialetto by Saverio Battani)
Quand a ier un ninin e a mirav da'la finèstra d'la mè camreta vers 'l mont, a m'ninav un sogn drent d'mé;
i'er st' chì:
"S'A DOVESS ESSR QUALC'O' 'N NATURA, COS A PODRE' ESSR?
- 'l ciel iè trop grand,
- le stèle trop luntane,
- 'l sol trop cald e le nuv'le al'cambi'n sempr,
- d'acqua al viv 'n t'la tera,
- i albri e le montagne i'en fèrmi.

Sì, a i'hò dècis: A SIRO' 'L VENT !
- Còm 'l vent, a poss esplorar 'l ciel apert, e volar su stà bela Carara,
- a poss abrazar 'l sol senza scotarm anch s'i'iè cussì cald,
- a poss zocar con d'acqua 'n Marina e arzirar le onde vers Massa,
- a poss spinzr mé, via le nuvle da 'la Maestà,
- a poss smovr i albri anch s'i stan lì fèrmi e ombrosi sul viol vers il rifugio CAI,
- a poss acar'zar le montagne 'nsina sui cucuzli pù alti, 'nsina su'l Mont Sagr,

SI, A'N'HO DUBI, S'A DOVESS ESSR QUALC'O' 'N NATURA A VORE' ESSR 'L VENT, QUEL CHI SOFI SU' 'N CAMP'CECINA !
(Libero adattamento by Saverio Battani)
Quando ero un bambino e guardavo dalla finestra della mia camera verso il monte, cullavo un sogno dentro di me; era questo:
""SE DOVESSI ESSERE QUALCOSA IN NATURA COSA POTREI ESSERE?""
- il cielo è troppo vasto,
- le stelle troppo lontane,
- il sole troppo caldo e le nuvole cambiano sempre,
- l'acqua vive nella terra,
- gli alberi e le montagne sono fermi.

Sì, ho deciso: SARO' IL VENTO !
Come il vento, posso esplorare il cielo aperto e volare su questa bella Carrara,
- posso abbracciare il sole senza scottarmi anche se è così caldo,
- posso giocare con l'acqua a Marina e rigirar le onde verso Massa,
- posso io spingere via le nuvole dalla Maestà,
- posso smuovere gli alberi anche se restano fermi e ombrosi sul viottolo verso il rifugio CAI,
- posso accarezzare le montagne fin sulle cime più alte, fin sul Monte Sagro,

SI, NON HO DUBBI, SE DOVESSI ESSERE QUALCOSA IN NATURA, VORREI ESSERE IL VENTO, QUELLO CHE SOFFIA SU' IN CAMPOCECINA !!

by Saverio Battani
S'a 's stess un po' pù atenti ai pichli p'nseri che mò a v'diz, a sirestn pù contenti.

- Ridr cussì forta da fart mal le masède e atirar 'n "Piazeta" l'atenzion d'la zenta.
- 'L profum d'l'asugaman cald dop una bela docia.
- Una ciac'rata senza p'n'seri coi tò amici al bar d'l Leon D'or.
- Mirar 'l cél d'nota 'n piaza Farini e p'nsar che le stéde al sibin buchi d'n'dov a
d'entr la luce d'l'N'fnit.
- Azéndr la radio propi 'n t'l moment chi son'n la tò canzon preferita.
- Starsn 'n let sdraiati,'n cà a Putrignan, e s'ntir 'l rumor d'la piogia.
- Magnars pian, pianin un vaset d'Nutela comprat 'n't la botega al pont d'la Busia.
- L'vars le scarpe stréte e caminar a pé nudi 'n't dèrba d' piaza D'Armi.
- 'N'crozar, 'n via Ghibelina, 'l suris d'una p'rsona che nèmanch t'conos.
- Trovar un bigét da 50 euri 'n't'l matalò d'l'n'vern pasat.
- Ars'ntir al telefono, dop tant temp, la voza d'un figiol chi lavor 'n Franza.
- S'ntir, passand da Grazan, la risata d'un ninin!
- Mirar i oci pieni d' riconosenza e d'comozion d'un vec as'tat sul porton d'cà
'n't'la Cariona!

A N'E' FORSI VERA CH'AL PO' ESSR BELA LAVITA ?!

by Saverio Battani
Se si stesse un po' più attenti ai piccoli pensieri che ora vi dico, saremmo più felici.

- Ridere così forte da farti male le mascelle e attirare in "Piazeta" l'attenzione della gente.
- Il profumo dell'asciugamani caldo dopo una bella doccia.
- Una chiacchierata senza pensieri con i tuoi amici al bar del Leon D'oro.
- Guardare il cielo di notte in piazza Farini e pensare che le stelle siano buchi da dove entra la
luce dell'Infinito.
- Accendere la radio proprio nel momento in cui suonano la tua canzone preferita.
- Starsene a letto sdraiati, in casa a Potrignano, e ascoltare il rumore della pioggia.
- Mangiarsi pian pianino un vasetto di Nutella comperato nel negozio al ponte della Bugia.
- Levarsi le scarpe strette e camminare a piedi nudi nell'erba di piazza D'Armi (magari!)
- Incrociare, in via Ghibellina, il sorriso di una persona che nemmeno conosci.
- Trovare un biglietto da 50 euro nel giubbotto dell'inverno passato.
- Risentire al telefono, dopo tanto tempo, la voce di un figlio che lavora in Francia.
- Sentire, passando da Grazzano, la risata di un bambino!
- Guardare gli occhi pieni di riconoscenza e di commozione di un vecchio seduto sulla soglia di
casa nella Carriona!

by Saverio Battani
Punti di vista
FACCIAMO CRESCERE QUESTA SEZIONE
In questa sezioni trovi
Torna ai contenuti