Fiori blu e celesti - carraraonline.com

Vai ai contenuti

Fiori blu e celesti

Fiori Apuani
Nigella damascena
Nome comune – La Fanciullaccia
Nome scientifico – Nigella damascena appartiene alla famiglia delle ranuncolacee
Descrizione – Fiore bellissimo dal colore del cielo ma può essere anche bianco, il nome Nigella è il diminutivo di “nigra” dovuto dal colore nero dei semi, mentre “damascena” deriva dalla città di Damasco luogo che ne indica la provenienza.
Periodo di fioritura – Maggio - Luglio
Habitat – Campi incolti
Proprietà curative – I semi polverizzati si usano con acqua e sono indicati per ridurre il broncospasmo e allergie.
Uso in cucina – I petali e i semi si possono mangiare ma con moderazione
Significato del colore – Augurano serenità, da regalare ad una persona cara o ad un amico che si trova in difficoltà.
Data fotografia – 11 / 05 /19
Luogo – Battilana
La Borragine
Nome comune – Borragine
Nome scientifico – Borago officinalis
Descrizione La pianta di origine orientale, può raggiungere un'altezza di 80 cm; il suo nome, dal latino borra (tessuto di lana ruvida), deriva dal fatto che e sue le sue foglie ovali sono ricoperte da peluria. Il fiore ha cinque petali di colore blu-viola disposti a stella. Conosciuta in tutta Europa, la borragine è coltivata fin dal 1600.
Periodo di fioritura –  Inizia ad Aprile e termina a Ottobre.
Proprietà curative – Ottima contro la stitichezza, la tosse, il raffreddore e il mal di gola; è anche un antipiretico naturale. Molto apprezzata nell’antichità per le sue doti rilassanti. Il suo olio viene usato sulla pelle del viso come anti-rughe naturale.
Uso in cucina –  Si può aggiungere a minestroni, zuppe e al ripieno dei ravioli. Si possono fare anche gustose frittelle, invece le foglie si consumano bollite e condite con olio.
RICETTA Farfalle alla borragine
Ingredienti :
400 g di foglie e sommità fiorite di borragine, 200 grammi di pasta, 1 cipolla, 50 grammi di pecorino, 4 cucchiai di olio d’oliva, sale e pepe q.b.
Soffriggere in una padella la cipolla tritata in olio di oliva per pochi minuti, unire la borragine tritata lasciando da parte una manciata di fiori. Ricoprire d’acqua e cuocere per mezz’ora con sale e pepe. Cuocere la pasta al dente, saltarla in padella, disporre nei piatti, aggiungere il pecorino e decorare con i fiori rimasti.
Fiori fritti
Ingredienti
12 sommità di fiore di borragine, 6 cucchiai di grano saraceno, 2 cucchiai d’olio d’oliva, acqua, sale e pepe q.b
Preparare una pastella morbida con farina, acqua fredda ,olio, sale e pepe. Lasciarla riposare per 30 minuti, quindi immergervi le sommità fiorite e friggere in olio caldo.
In questa rubrica trovi
Torna ai contenuti