L’ bobolo - carraraonline.com

Sezione a cura di Mario Volpi
Vai ai contenuti

L’ bobolo

Sol p'r noialtri
Versione audio del racconto

Spetta/le Redazione
Quando ero piccolo, vicino casa mia vi era una "Strega," ossia una di quelle vecchie che segnavano la paura, che si diceva fosse in grado di predire il momento della morte di un'individuo. Questo vecchio ricordo mi ha ispirato questo racconto, che sottolinea come sarebbe infernale la vita di una persona che avesse veramente questo potere. Sarebbe intollerabile sapere il momento della proprio morte, o quella delle persone care, molto meglio che questo momento sia un'incognita, per potere esaltare a pieno quello che è veramente importante per un essere umano; vivere serenamente la propria vita.
E. De Fazio 6 gennaio  2013


L silenzi i s potev squasi tocar, drent a la Cesa. Dret a l’altar, un cruzifiss d legn, i parev che i stes su p’r scumisa, cussì, atacat a nient! Dle colone d granit gris, as’rampicav’n asù, p’r po f’nir con di capitedi tuti lavorati a smerli, com la trina d’una tovaia da la festa, che i rezev’n dlè arcate fate a punta com il caped d’un Vescov.
Da dle finè alte e strete, con i vetri d mili colori, la luce al fatigav a pasar, e a s fermav a metà dla navata, lasand ‘l rest d’la Cesa, ‘n t’una  penombra che al fev squasi paura.
‘Nti banchi d legn aier solo un’om. Ier ‘nginociat con ‘l mus r’mpiatat tra le man, e da com ier cunz a s capiv che in slà passav trop ben.
Un matalò, sporch e lis, con di tanoci ai gom’ti, i cupriv le spade, ‘l codet, ier r’mpiatat dai capedi lunghi e brizolati, che i avrean avut bisogn d’una bela lavata, e na pet’nata.
I calzon iern sformati, sporchi, e pien d tope, ligati ‘n vita da un toch d spagh che na volta i dovev es’r stat bianch, un par d scarpe scompagnate, senza calzeti, al completav’n ‘l so cored.
Quand i alzò ‘l mus, e i s mis setat, a s vedev che i avev piant da pogh, i oci, anche se rossi e lagr’mosi, i avev’n un qualcò che i metev’n t’menza a chi a li mirav,  p’rcos al parev che se i aves v’sut i t’avren putut furar com na spida. ‘L mus, i parev suciat da tant che ier magr, muff com la zera, che neamanch la barba d’una stimana al riusiv a nascond’r.
Del rest la vita, con lu, a n’er dalvera stata ten’ra!
‘Nzà da ninin, apena avut la rason, i s’er acort che ‘n lù aier un qualcò d stran, d sbaiat! I avrà avut quatr o zinq’ani, e com tuti i fanti i strav’dev per ‘l so nònò, che i s chiamav Alcide. Squasi tuti i dì so mà al portav da lu, che i s’l piav a cavadin su le spade e ‘l portav ‘nt’la vigna, dov, sot al fich d’estate, o ‘n capana d’nvern, i arcontav le fole, che lu i  stev a s’ntiv incantat, con la boca aperta.
Ma un dì, mentr i caminav p’r la man a so mà, i vid arent al porton d ca d’l so nònò, quel che a lu, ai parv na vecia, tuta v’stita d ner, con un capuz ‘n testa che ai r’mpiatav  ‘l mus. Ader setata p’r tera, e lu a pasari arent, i provò na paura che i n’avev mai s’ntit, i strins la man d so ma,  i puntò i pe, e pianzend i diss la sola parola che i conosev, p’r urlar al mond la so disperazion “ ‘l bobolo!”
Ma so ma a s comportav com se a n vedess nient, e dop averl piat ‘n braz, al zercò d calmarl con do basin, ma ‘l pez ier anch’mò da v’nir! Arivati ‘n cà, al posò ‘n tera, e lu i partì d corsa p’r andar ‘n braza al so nònò, setat arent al camin, ma apena i fù v’zin, i s sentì come mancar.
Al fu come se qualcun i avess butat zù p’r la s’cena un toch d giaz, e na spada d zel ai furass ‘l cor, i s’ntì l stomch arvoltars, mentr la stessa paura che iavev provat prima, a l’arpiò, ma diezi, zent, mili volte pu forta.
I s mis a urlar, e pù che ‘l so nònò i z’rcav d strenz’rl p’r calmarl, e pù cla sensazion a l’aumentav, a la fin so ma, disperata, al portò via, non sapend pù cos far!
‘Nt’la notata so nònò i murì.
Na porta a s’aprì, e ‘l sacrestan i fè ‘l tutù p’r tenir d’oc la caseta dla limos’na, ‘l barbon i s’n’acors ma i fe finta d nient, po i s’arbutò ‘n ti so p’nseri.
Quand i fev la picina, ier doventat amich p’r la peda con ‘l so compagn d banch, un biondin visp e furb com un furet, cussì amici che a le volte i s spartiv’n p’rfin la fugazina.
Ma na bruta matina setata fora del porton dla scola i arvid la vecia, ‘l bobolo, com i la ciamav lù, pianzend i s f’rmò d bot, e i zercò d scapar.
P’nsand che i n volev andar a scola, la so maè al grinfiò p’r un braz e al portò drent squasi d pes; pasand arent al bobolo, la stessa paura dell’altra volta a l’aguantò a la gola, cavandi squasi ‘l respir.
Ma al fu drent che i provò la vera disperazion. Com i s’acostò al so compagn d banch, i arsentì le stesse sensazion che i avev ‘nzà provat con ‘l so nònò, adora i capì.
Urland “non morire, non morire” i s butò al cod del so amichet, anch se ogni volta che il tocav a i parev d svenir, la mae, a n sapend pù cos far, e al mandò a ciamar so ma, mentr ‘l so compagn d banch che i n capiv, spav’ntat, i pianzev anch lù com na vigna taiata.
La matina dop il so amich ier mort, ma la scena che i avev fat ala scola a n’er pasata sot silenzi, e qualc’d’un pù svei, i cuminzav a dir che ier un stregh.
Su cunsig dla maè, so ma a i fe cambiar scola, e lu i imparò anch a star zita quand i vedev ‘l bobolo, p’rcos i avev capit che ‘l vedev soltant che lù. Com i n dizev nient quand i sapev chi iern quel, o quela, che da li a pogh i s s’aren cavati da pagar d’est’m.
P’r non sufrir, i s n stev sempr p’r cont so, senza far comuneda con nissun, e anch se la zenta al dizev che ier un mutrignon, a lu a ni importav nient, cussì al vens ‘l temp d andar p’r soldat.
‘L cambiament i fe ben, e i primi mesi su p’ri monti a far l’alpin ier stati abastanza sereni, anche se ‘l bobolo i s’er arfat viv un par d volte, zù  ‘n paes.
Oramai ‘l soldat ier squasi f’nit, e un bel dì d’estata i vens a cà p’r d’ultima licenza prima del conged, ma apena entrat ‘n tl’andit del porton, ‘l cor quasi i si fermò! Setat sul prim scalin aier ‘l bobolo.
I fè i scalin  quatr, a quatr, ma apena entrat ‘n cà e i abrazò so mà i capì tut. Urland com un paz i aguantò ‘l sigurzed che aier arent a la stufa p’r spacar la legna, e indè zù ‘ntl’andit, “va via, va via” i urlav, mentr con ‘l sigurzed i zercav d’amazar quel che i vedev soltant che lu.
I vizin d ca, spav’ntati i ciamar’n i carabinieri e la tombulanza, a i vols del bel e del bon, p’r nesir a aguantarl, e a fari na puntura p’r calmarl, a la fin, ligat com un salam, la tombulanza al portò via.
Quand i fen ‘l trasport d so ma, lu ier ancamò ligat ‘n’t’un let d’osp’dal, sol dop un mes i det’n la via, sul conged aier scrit” Schizofrenico pericoloso”ma a lù a n’importav nient.
I cambiò cità, una volta, doa, trea, vivend d quel che i trovav, zercand d non afezionars mai a nisun, per non dover sufrir, ader pù d quarant’ani che i fev cla vita li, e mo!…
‘L sagrestan i piò ‘l mupin e i cuminzò a smorzar le candele, lassù ‘nzim a d’altar magior, sol quela rossa a l’armas azesa, tinzend d sangu ‘l corp soferent d Crist ‘n croza.
Staman, quand i s’er sviat sot al pont, e i avev vist ‘l bobolo ‘n pè, arent a lù, da prinzipi la paura aivev squasi f’rmat ‘l cor, ma po’, i l’avev piata squasi com na liberazion.
I n sapev, p’rcos ier v’nut ‘n Cesa, lu i avev semp’r credut pogh, del rest ‘l so ‘nfern i l’avev ‘nzà ‘n tera?
I s’alzò e strasinand i pè i n’ssì. ‘L bobolo ier fora che i l’aspetav, oramai ader squasi bui, e un goz’olon d’acqua i pistò sul mus, al cuminzav anch a nizolar, i fè p’r piar ‘l so caret con drent ‘l let d carton e i so do strazi, ma po’ i p’nsò che i ni saren pù serviti.
I s tirò su ‘l bav’r del matalò, e zirat la testa i diss a quel che i vedev sol che lù “Non m perd’r ehh!!” Po’ con na risatina catarosa i s’aviò vers quela che al sirè stata la so ultima nota.

Volpi Mario

Versione audio del racconto

Ti è piaciuta questa sezione, per lasciare un commento

CarraraOnline.com
CarraraOnline.com
Torna ai contenuti