Il fortino - carraraonline.com

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il fortino

Caprione passato e presente

Secondo la leggenda, il nome Montemarcello deriverebbe da un episodio storico, avvenuto durante la guerra di conquista mossa dai Romani contro gli abitanti Liguri, che si opposero fieramente alla conquista latina. Nel 155 a.C. fu il console Marco Claudio Marcello a riportare la vittoria definitiva sulle popolazioni locali. Il nome del borgo, che conserva una struttura di chiaro impianto romano, ricorderebbe proprio questa vittoria.
MONTEMARCELLO, promontorio del Caprione, comune di Amelia, di grande pregio naturalistico e storico, che separa il Golfo della Spezia dalla foce del fiume Magra è arroccata Amelia sulle colline, stretta attorno al suo castello con bella torre medievale, ma anche digradante verso il mare. Montemarcello inserito nel parco di Montemarcello-Magra, offre scorci montani e panorami sul Mar Ligure, si fregia di una frazione inserita nei borghi più belli d’Italia e di un promontorio stupendo, Punta Corvo, la cui spiaggia è stata inserita da Legambiente nelle undici più belle d’Italia.
Ameglia racchiude in sé un concentrato di Liguria, e come i comuni confinanti porta sul suo territorio tracce importanti degli avvenimenti storici che si sono susseguiti in questa parte della regione, dall’antichità preromana all’occupazione latina, fino al Medioevo. Nella frazione di Cafaggio è stata infatti rinvenuta una necropoli degli antichi Liguri, in quella costiera di Bocca di Magra resti di ville romane, ed è ancora imponente il Castello del capoluogo, già dei Vescovi di Luni, fin dall’XI secolo. La particolare posizione conferisce alla zona una grande biodiversità, con animali e piante che si alternano nel susseguirsi dell'ambiente marino, fluviale o collinare. E anche le vedute di cui potrete godere variano dalla scintillante linea dell'orizzonte tracciata dal mare, e interrotta solamente dalle isole di Porto Venere o dalle imbarcazioni, sino al frastagliato profilo delle Apuane, con le loro cime aguzze e filanti.
Questa Batteria fu messa fuori uso il 21 aprile 1945 dagli stessi reparti germanici prima di ritirarsi, anche dalla Linea Gotica.




Torna ai contenuti | Torna al menu