Il Monumento a Mazzini e la città di Carrara - CarraonlineBlog IL MURO - carraraonline.com

Vai ai contenuti

Il Monumento a Mazzini e la città di Carrara

carraraonline.com
Pubblicato da in Attualità ·

Associazione Nazionale per la tutela del
patrimonio storico  artistico  e naturale
Consiglio Regionale Toscana
Giunta Esecutiva
ITALIA NOSTRA, associazione costituitasi nel 1955 per la tutela del patrimonio culturalee
storico della Nazione, a livello territoriale ha condiviso la generale riprovazione per il progetto di privare Carrara del Monumento a Giuseppe Mazzini (sia pure temporaneamente, come preannunciato, per mitigare l’enormità della “provocazione”di Cattelan, avallata dal curatore della XIV Biennale Internazionale di Scultura e, salvo ufficiale smentita, dalla stessa Amministrazione Comunale).
A livello regionale ITALIA NOSTRA sostiene che detta “provocazione”, lungi dal
rianimare culturalmente la città, anche qualora ideata e finalizzata soltanto a suscitare scalpore mediatico, costituisce una grave offesa al sentimento di identità Nazionale e alle tradizioni della Città, prestigioso luogo matrice d’arte nei secoli.È un’offesa all’Italia, qual è e quale la pensò Mazzini, comunità fondata su valori culturali, storici e spirituali; è un’offesa alla città di Carrara che ha radicato e connotato la sua storia pre E post unitaria nei principi di moralità, solidarietà e democrazia ispirati dalladottrina mazziniana.
La Giunta Regionale Toscana di ITALIA NOSTRA ribadisce che non è punto apprezzabile l’impresa “provocatoria” di togliere la statua di Mazzini (con il rischio, fra l’altro, di
arrecare possibili ulteriori danni al monumento) per sostituirla con una di Craxi, perché “provocatorio” è fare esercizio di intelligenza (addirittura rivoluzionario in tempi in cui ve n’ è poca) e non il seguire mode di scarso o nullo valore culturale e intellettuale,banalmente sacrificando sull’altare dell’effimero opulento.
ITALIA NOSTRA Toscana confida che le competenti Autorità e, segnatamente, la Soprintendenza ai Beni Culturali, vorranno difendere i segni e i valori dellanostra
civiltà,vanificando l’insipiente intento.

IL PRESIDENTE
Ing. Antonio Dalle Mura




Nessun commento






Torna ai contenuti