MARMO ROSSO SANGUE - CarraonlineBlog IL MURO - carraraonline.com

Vai ai contenuti

MARMO ROSSO SANGUE

carraraonline.com
Pubblicato da in Attualità ·
[image:image-1]
Non è possibile accettare, ancora una volta, la perdita di una vita. Un figlio, fratello, amico, ancora oggi ci ritroviamo a piangere perché la montagna si tinge di sangue. Ancora una volta la rabbia, l'impotenza di fronte a tutto questo. Ci uniamo al dolore, un' altra vita strappata alla vita...Ancora lacrime, ancora grida di dolore, di odio contro il destino beffardo. Ancora inchieste, controlli, fino a quando...

Perché non rivolgere un riverente pensiero ai nostri cavatori, ai morti sui piazzali, per disgrazia, per fatalità, sempre per fatalità…
Ogni famiglia di Carrara ha avuto uno o più morti in cava.
Perché non farne partecipi i concittadini, raccontando come avvenne la disgrazia, ricordandone il nome, farne un
elenco "pubblico". Perchè non dedicargli una piccola piazza e un giorno dell'anno per ricordarli chiudendo le attività commerciali in segno di memoria.

PER NON DIMENTICARE
Mauro Giannetti - Roberto Ricci Antonioli - Nicola Mazzucchelli - Lucio Cappè - Angelo Morelli - Augusto Ricci
Federico Benedetti - Giuseppe Alberti – Venutelli - Domenico – Bernacca - Bianchi - Borghini- Corsini – Del Bianco - Diamanti - Fubini- Martignoni – Musetti – Tonelli e a tutti coloro che per dimenticanza non appaiono in questo triste elenco.

AL CAVATOR”

Quand a t’ ved montar su p’r la china
p’r guadagnar ch’l pan, ‘n t’l’albor
e quand a ssent ‘l romb d’la mina
a m’ ven da pianzr, oh cavator!
‘N t’l zz’rved a i è sempr un ricord:
quand a s’guiv mè pà p’r la valata
e a p’nsav sempr, e quest a ‘n m’l scord,
“A i ar’vdrò me mà ch’a iò lassata?”
Oh! quante volte ‘l sangu a iò vist maciar
c’l marm cussì bel, e ch’l tò mus livid,
ma content d’ donar tut la tò vita a quel ch’a t’er pu car.
E mò la sera a pregh semp’r ‘l Signor:
“A’rport a cà, san e salv, ‘l cavator!”

PierBin e Chiara. P.



Nessun commento






Torna ai contenuti