La Pefana al va' 'n cantina , a s vest da cuntadina - CarraonlineBlog IL MURO - carraraonline.com

Vai ai contenuti

La Pefana al va' 'n cantina , a s vest da cuntadina

carraraonline.com
Pubblicato da in Una volta invece ·
[image:image-0]
PEFANA  BIANCA LASAGNA

Un antico adagio recitava" Befana bianca lasagna", questo perchè essendo nel cuore dell'inverno, la campagna era spoglia di verdure, e quindi bisognava cominciare ad intaccare le riserve di farina. Per propiziare un buon raccolto però alla vigilia ci si concedeva i "testaroli" di farina gialla e bianca mescolata, e i" castagnacci" fatti con la farina di castagne.

Dalla Redazione “I VECCHI RACCONTANO “

Ma il ricordo che mi provoca ancora una struggente nostalgia, era l'attesa spasmodica della befana, pur sapendo benissimo che non sarebbe certamente stata generosa nei miei confronti, ma che tuttavia mi faceva contare i giorni che mancavano alla notte del 5 gennaio. Mettevo la calza, (ricordo ancora una volta che misi le calze di mia nonna lunghe fino alla coscia, convinto che vi sarebbe stato più roba) attaccata al camino, ma il mattino dopo invariabilmente ci trovavo dentro due mandarini, quattro noci, e qualche nocciola, oltre naturalmente alle immancabile castagne secche, dure come pietra.
Erano tempi difficili, non li rimpiango, ma indubbiamente erano molto più vicini a come dovrebbe essere vissuta tradizionalmente, la più importante festa della Cristianità.

CONTINUATE VOI QUESTE DUE VECCHIE FILASTROCCHE

La pfana al va' 'n cantina , a s vest da cuntadina , a s met 'l frabala' : la pfana a l'e' me ma. Se la befana e' la mamma …....................

La pefana al ven d nota con le scarpe tutte rotte.................

FILASTROCCA
A l'è 'na v'ceta ch'al par 'na ninina,
a l'à 'na gobeta ch'è pes, puv'rina,
a l'è senza denti, milorcia, cisposa,
a l'è magra e grinzosa,
scassata, mufita ch'è vò la p'nsion...
Ma a s'n vèn zita zita,
cuscì tut i ani, '1 sé d z'nar,
al pig '1 so sac e a s'n vèn a zirar...
Sapet ch'a l'ò vista stanòta a la trea?
A m'er 'ndat quarcò d travers ieri sera...
Propi come '1 nonò i m'arcontav 'nt le fòle,
al v'niv dal ziel ch'a jer tut le stele….
'L sapet ? St'an chi a n l'avev la granata,
ma a s'n v'niv pacifica ch'al parev pagata
su 'n t'un aspirapolvere, eh nò, un bel modern,
ch'ajavev argalat adora adora '1 Padretern
E le', la P'fana, al guidav col telecomando, con 'na man sola!
E 'n t d'altra a d'avev 'na butija d spumante.
Pò la dentiera nova, brilante;
'na b'reta 'n testa a la dighedò p'r cuprirs i bokoli...
altr che'l kasco!
e tut'l fard d farina pr'arfars la pèda
e p'r f'nir dò p'zkoti pr le kokete rosse...
Però, però, al portav i scarpon con le korzole,
un matalò con d'le tope arpuntate 'n ti gom'ti,
i mutandon d cutunina,
'1 gon'don e '1 gr'mbial a quadri,
la scialina, la sciarpa e pò cos?...
Ah si, 'n ombred, d chi verdi, pesi e grossi, da cavatori di tempi 'ndati...
e quel a s'1 strassinav a tracòd, ligat con la funeta, a pikodon...
Zuum, al sc'ndev 'n t'un tec ch'al parev 'na cometa,
al butav i regali 'n t'1 tub d'la stufa (pardon, di termosifon)
e pò via 'n t'un altr p'r far rid'r i m'nin.
Ma 'n t'1 sac a n'jer mia quarche aranzi, dò nozede, un ziret d liquirizia, 'na caruba...
e chi bei kavadin con che me a m' div'rtiv quand a jer pic'lin...
Seaa... A ti er un mitra lanciarazi, un mostroid marziano,
'na bambulina 'ncinta, zent compiuter, dosent videogheim, trezent celulari,
ma nemanch un mekano.
I l'avev'n abulita, i l'avev'n cancelata, anch'da la skola a'I parev sparita...
T vò met'r Haloveen? T vò met'r Papà Natale?
Ma te arvèn li stess, P'fana, vèn. Vèn zù 'n t'la kalza e no 'n television...
Vèn zù tranquila, che ai babi e a le mame, ai ministri e ai maestri e p'nsan nò

FILASTROCCA
La P’fana al va ‘n p’nsion!

Mentr a magnav, setat  n’tlà cuzina
a butav  d’oc, a la television
p’r pogh a n’ngod la furzina
quand ian dit che la P’fana al va ‘n p’nsion.

La P’fana oramai adè rasegnata
a sé stracata d lotar! A ni la fa pù
la zenta d le a se scordata
cussì adà decis d dari sù.

A la dit che a n ries pù a volar!
P’rcos granaton a ni ne pù!
A nà pù l’età, p’r caminar!
E far p’ri teci, sù e zù

Mo a s’us ‘l gas, al post del carbon
adè pasata, la moda del camin
e p’r l’argal? Che cumplicazion!
Aiè ‘l colant, al post del calzin.

A m’arcord che quand aier ninin
‘ntla calza a mirav con furor
drent, sol un ranz, e un mandarin!
Ma iern asà, p’r riscaldarm ‘l cor!





Nessun commento






Torna ai contenuti