Index - carraraonline.com

Vai ai contenuti

Menu principale:

Descrive la storia e le tradizioni locali del territorio Apuano
STORIA - CHIESE - MONUMENTI - ALPI APUANE - RICETTE - DIALETTO
Dal sito cosa c'è di nuovo
La Baronessa misteriosa
Cari Amici, vogliamo farvi conoscere una storia affascinante scoperta per caso. L'incisione sulla targa riporta: MARION BARTON MUZZI FALCONI a ricordo della Baronessa che tanto amò questi luoghi. La targa ci ha incuriosito e così ci siamo messi sulle tracce della Baronessa ed ho scoperto una storia affascinate e dai molti risvolti nella quale compaiono: Il castello di Montemarcello. (quanti di voi sanno della sua esistenza? ) Lo stemma della famiglia Muzi con una figura con la mano sinistra sproporzionata rispetto al corpo Un falso attentato ad Addis Abeba nel periodo coloniale Una tomba anonima, senza un fiore e senza una incisione nel cimitero di Montemarcello.
Pubblicato da cararraOnline - 7/7/2017 19:04:00
'L capano d Robè
Spetta/Le Redazione Continua la serie "Noire," con una storia che ho sentito raccontare sin da piccolo. Questa storia dimostra come in noi umani, si instauri una vera e propria forma di amore per i luoghi in cui si nasce, o nei quali si vive per gran parte della nostra vita, un amore così profondo da......
Pubblicato da Volpi Mario - 4/7/2017 22:06:00
Batteria Santa Croce
La Batteria Santa Croce è collocata a 540 metri sul livello del mare sul monte omonimo. Incombe sull'arsenale e sulla città. Risale al 1928
Pubblicato da CarrraraOnline - 1/7/2017 09:15:00
LE MADONNE DEL CAVATORE
E’ indubbio che la Madonna del Cavatore, l’originale statua, fu inaugurata con questa dicitura, a Fantiscritti: SOLENNEMENTE INAUGURATA ADDI’ 8.11.1949 AUSPICE S.E. MONSIGNOR CARLO BOIARDI VESCOVO di APUANIA
Pubblicato da Lucio Benassi - 28/6/2017 07:03:00
Una notte magica
Oggi queste antiche credenze ci sembrano, a ragione, curiosità etnografiche, ma per millenni intere generazioni hanno affidato a queste predizioni, scelte importantissime per la loro stessa sopravvivenza, questo a riprova di come sia fragile e precario, il cosiddetto "sapere" delle varie epoche, che però, genera nell'essere umano, una sorta di arrogante sicurezza di saper modificare a proprio piacimento le forze della Natura.
Pubblicato da Mario Volpi - 24/6/2017 22:04:00
capolavori da salvare
la voce del cittadino
sezione racconti
Torna ai contenuti | Torna al menu